domenica 14 ottobre 2018

Tempesta D'Amore: Chi va e chi viene? I ritorni e gli addii!


Le puntate italiane di Tempesta D'Amore saranno caratterizzate da grandi movimenti prossimamente; vari personaggi, infatti, usciranno di scena ma altrettanti torneranno

Come abbiamo già visto nelle Anticipazioni, presto farà il suo ritorno Charlotte che dirà addio a tutti, decidendo di porre fine al suo matrimonio con Werner per trasferirsi definitivamente in Africa ma anche Desirée farà ritorno, dando vita ad una nuova - ed a quanto pare - risolutoria storia d'amore con Nils. Entrambi usciranno di scena poco tempo dopo. 

Presto Tina entrerà in pausa, a causa di problemi di salute avuti dall'interprete e brillantemente risolti e sarà sostituita - solo in termini ideali - da Goran Kalkbrenner che non solo vivrà a casa sua ma intreccerà una relazione con Romy, movimentando la sua storia con Paul. Insomma, non ci annoieremo. 

7 commenti:

  1. Goran è stato utile solo x fare svegliare Paul se no personaggio fastidiosissimi non sopporto assolutamente il suo modo di fare .Tina poteva tranquillamente non tornare la sua assenza non si è proprio notata anzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paul si è meritato il Goran della situazione per come si è comportato con Romy, forse se ne sarebbe meritato pure due di Goran.
      Giò

      Elimina
    2. No dai due bastavano. Aha aha aha.
      E comunque neppure a me sta molto simpatico Goran, però è stato utile per Romy.
      Giò

      Elimina
    3. In generale se ci pensi ci sono dei personaggi nella storia di Sdl che nascono con una funzione o uno scopo e una volta che si esaurisce, in qualunque modo sia, escono di scena, anche perché magari hanno poche interazioni con altri personaggi.
      Giò

      Elimina
  2. Infatti poi Romy è stata brava a tenerlo sulle corde ancora per molto anche se goran era andato. C ha voluto prima che ritrovasse fiducia in lui eli

    RispondiElimina
  3. Io spero solo che Romy e Paul prima o poi se ne vadano in qualche bel posto lontano e non facciano mai più ritorno in baviera.

    RispondiElimina