venerdì 8 marzo 2019

Tempesta D'Amore: Puntata n. 3120 - La fuga di Fabien! [Germania, 4 aprile 2019]

Tempesta D'Amore: Tina e Ragnar [FOTO/ARD Christof Arnold]
Tempesta D'Amore: Puntata n. 3120. Henry (Patrick Dollmann) trova rifugio dai Sonnbichler. Denise (Helen Barke) è sempre più certa dei sentimenti che prova per il veterinario. Joschua (Julian Schneider) fa una dichiarazione sconvolgente. 

Ragnar si interessa a Tina (Christin Balogh) che sembra decisa a vendicarsi di lui. Fabien (Lukas Schmidt) fugge da casa e Valentina (Paulina Hobratschk) riesce a rintracciarlo. Lui però non sembra intenzionato a fare ritorno a casa.

22 commenti:

  1. A me sembra più credibile il legame che si crea tra Denise ed Henry piuttosto che il colpo di fulmine di lei ad inizio stagione per Joshua.
    Giò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me il problema non è tanto il magic moment ma il fatto che non vedo chimica tra i due attori protagonisti.

      Elimina
    2. Francamente pure la storia mi sembra scritta male, tra specchio, Dora e George....Non nego che manchi pure la chimica, ma mica solo quella, manca pure la storia.
      Giò

      Elimina
    3. Oddio, la storia dello specchio ci può anche stare, avendo un rimando a Biancaneve, in fondo Annabelle può considerarsi la strega cattiva; concordo invece sulla storia di George e Dora, che anch'io ho trovato troppo noiosa, come trovo noiosi i continui sogni di Denise: abbiamo già avuto Clara, perché continuare a descrivere questa stereotipo di donna, che non è per giunta neanche molto credibile?

      Elimina
    4. I sogni di Clara a me piacevano, mi piaceva in generale molto il lato da sognatrice del personaggio, la questione è che Denise è troppo noiosa e moscia perché possa piacere. Con la Clara pre-William abbia passato dei periodi difficili però non c'è paragone, il personaggio era valido.
      E' che secondo me non è per niente costruito bene il legame Denise-Joshua. Al contrario i legami di Joshua con Robert, Valentina e Werner sono scritti bene.
      Giò

      Elimina
    5. Mah, oddio erano decisamente troppi, come lo sono quelli di Denise. Ovviamente non stavo paragonando le due protagoniste, anch'io preferisco Clara senza ombra di dubbio, la Wacker, poi, per me è una bravissima attrice, al contrario della Barke che ha sicuramente ancora molta strada da fare, vista anche la giovane età.

      Elimina
    6. Concordo sulla differenza tra le due attrici.
      Si i sogni erano tanti, probabilmente troppi.
      Giò

      Elimina
    7. Ho sempre considerato il lato sognatore (e in parte anche quel po' di infantile che aveva il personaggio) estremamente funzionale a Clara e al suo vissuto. E' per quello che i molteplici sogni del personaggio tutto sommato non mi sono mai pesati granché.
      Denise secondo me essendo piuttosto moscia non attira granché l'attenzione del pubblico.
      A parte la bravura delle attrici, secondo me la Wacker aveva grande presenza scenica, cosa in cui eccelleva come la Brekalo e la Scherer, la Barke invece non la ha.
      Giò

      Elimina
  2. Per me la Barke è acerba si nota che è alle prime armi a me personalmente non mi emoziona poi è affiancata da un attore che reputo peggiore di lei. Nessuno dei due è bravo. Oggi ho visto la puntata tedesca e mi ha fatto piacere quando Christoph dà a Boris il suo disegno lo stesso che puntate indietro aveva stracciato. Guardando questa scena e paragonandola ad una qualsiasi con Denise e Joschua beh la differenza è enorme. Quando sono bravi emozionano quando non lo sono è come vedere il niente
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a mio avviso non c'è neanche paragone visto che stai paragonando due attori alle prime armi con Bach che ha iniziato a recitare quando la Barke non era ancora nata e Schneider era ancora in fasce e Frowein che, anche se giovane, ha dimostrato di essere il migliore attore under 30 lì in mezzo.
      A me invece, nonostante riconosca la bravura sia di Frowein che di Bach, non mi ha emozionato, sarà che per me Christoph non merita né il perdona né l'affetto di Boris.
      Mi è piaciuto molto invece, cosa che ho scritto anche ieri, il fatto che Tobias abbia spinto (nonostante tutto il male che ha fatto anche a lui il futuro suocero) Boris a riappacificarsi con lui.

      Elimina
    2. L'essere un attore maturo non significa essere bravo lo dimostra la Kargel che ê penosa a recitare come una Barke che ha la metà dei suoi anni.
      Certo che regge il paragone non si giudica per età ma per capacità
      Francy

      Elimina
    3. Le capacità spesso e volentieri non sono innate e paragonare un attore che non ha esperienza ad uno che ne ha 30 anni alle spalle, non è la stessa cosa, visto che conta anche quella quando si parla di un bravo attore.

      Elimina
    4. Concordo con Elisa. Contano una serie di cose per un attore per costruire il personaggio: serve la tecnica e quindi aver studiato a meno che non si sia autodidatti e si abbia imparato tutto sul set, serve l'istinto e quindi le capacità innate, il talento, le basi che un attore ha, serve la scrittura del personaggio, ma in questo confronto che è stato fatto ha ragione Elisa, Dieter Bach avrà 25-30 anni di esperienza alle spalle oltre alla bravura, gli altri due sono esordienti (perché poi una cosa è fare ruoli da comprimari, un'altra i protagonisti, sono al primo ruolo importante praticamente).
      Aggiungo che seppure avessero talento e fossero bravi, comunque è ovvio che si noterebbe la differenza con Bach.
      Pure Larissa dubito che avrebbe potuto competere con Elke, anche nell'ipotesi in cui fosse stata brava come interprete.
      Giò

      Elimina
    5. L'età gioca un ruolo importante, è inutile negarlo.
      Poi per carità ci sono attori anche giovani e lo stesso bravi (e ovviamente non stiamo parlando né della Barke né di Schneider o tanto meno della Loeffler, lei poi la trovo imbarazzante, non sa nemmeno piangere a momenti), però chi ci dice che Bach alla loro età era già così bravo?
      Come non capisco perché si debba prendere sempre lui come metro di giudizio, è bravo nessuno lo nega, ma non è l'unico ad esserlo.

      Elimina
    6. Dato che è stato fatto quel tipo di paragone tra la Barke e Schneider da una parte e Bach dall'altra, è fin troppo evidente che non regge il paragone perché l'età gioca un ruolo importante. Infatti che ne sappiamo della bravura di Bach alla loro età?
      Concordo sul fatto degli attori giovani e bravi.
      Ho dato un'occhiata al curriculum di Helen e su wikipedia c'è scritto che si è diplomata nel 2017 dopo aver frequentato una scuola di recitazione, davvero un azzardo da parte degli autori. Schneider dovrebbe avere più esperienza però....
      Effettivamente anche secondo me Bach è sopravvalutato, è bravo ma francamente le sue interpretazioni non sono così indimenticabili, fa il suo e interpreta bene il suo personaggio ma non ti rimane impresso.
      Il giovane più bravo attualmente è l'interprete di Tobias.
      A me non è mai piaciuta nemmeno la recitazione della Balogh a dirla tutta.
      Giò

      Elimina
    7. Sì, anche per me è stato un grosso azzardo, anche perché è davvero una principiante.
      Oddio, non mi pare che Schneider sia tanto messo meglio, è più grande di lei, ma ha avuto esperienza soprattutto da modello e per quel che mi riguarda era meglio se continuava a farlo, visto che non è nemmeno carismatico.
      Devo ammettere che sono rimasta piacevolmente sorpresa da Beier, visto anche che ha al suo fianco uno come Frowein e avevo paura che ad un certo punto si sarebbe notata la differenza tra i due, ma gli autori hanno saputo gestire molto bene la cosa, non solo perché Beier ha dimostrato di avere una natura drammatica, ma hanno preso i suoi punti di forza (come la spontaneità e la comicità) e li hanno resi propri del personaggio di Tobias (nella puntata di ieri è stato fortissimo, soprattutto se paragonato a Boris, che era agitatissimo).
      Anche Paulina Hobratschk ha interpretato bene il ruolo di Valentina durante la sua malattia.

      Elimina
    8. Concordo su Beier e Frowein. Secondo me entrambi sono versatili: hanno sia le corde drammatiche sia quelle comiche, soprattutto Beier è versatile.
      Che Tobias fosse divertente, comico e spontaneo era fondamentale per poter fare da contraltare a Boris. Boris nella testa degli autori rimane un personaggio drammatico e anche io lo considero in gran parte così, è stato a lungo un represso e un maniaco del controllo, quindi aveva bisogno di qualcuno così per lasciarsi andare e poi la differenza d'età non è poi così tanta: Beier è del '93, Frowein dell'88. Certo è che ad un certo punto Beier ha dimostrato di avere pure le corde drammatiche.
      Più che altro perché la Barke ha avuto qualche piccolo ruolo e basta, è evidente che non era pronta per il ruolo del protagonista. Si Schneider secondo me è peggio di lei anche se è più grande: è imbalsamato e inespressivo. La scena di Xenia che spara a Denise è una roba brutta secondo me.
      Giò

      Elimina
    9. Sì, dovevano creare un personaggio che avrebbe dovuto alleggerire il personaggio di Boris (senza però renderlo superficiale ad esempio come un Goran qualsiasi) che però tramite il suo amore lo rendesse più sicuro e lo "staccasse" dal rapporto malsano che aveva col padre.
      Cosa non facile se si pensa al fatto che Boris oltre ad essere un personaggio molto amato, è pure molto complesso e unico.
      Inoltre sono riusciti a creare una bellissima storia d'amore che ha superato tutte le aspettative, almeno le mie.

      Elimina
    10. Per carità Goran, uno dei personaggi più inutili della storia di Sdl.
      Beh Boris è anche un personaggio criticato indubbiamente per la sua complessità. Io per prima non ho mai amato certi lati del suo carattere e li ho aspramente criticati però il ragazzo ne ha fatta di strada.
      Inoltre occorre mettere in evidenza una cosa: pochi secondari possono vantare un tale lieto fine da protagonisti. Forse solo Marie e Hendrik...
      Giò

      Elimina
    11. In fin dei conti Boris nasce come un uomo molto inquadrato, un po' represso, bacchettone, maniaco del controllo che poi si lascia andare.
      Questi personaggi sono sempre vincenti, perché quando si lasciano andare li vedi nella loro reale essenza. Anche Adrian nasce come un maniaco del controllo se ci pensi.
      Giò

      Elimina
  3. Auguri a tutte le donne!!!
    Andrea

    RispondiElimina
  4. hanno sbagliato la trama questa non è la 3020, bensì la 3120.

    RispondiElimina